Ansia da Prestazione Esami

Introduzione

  Quando si proseguono i propri studi, anno dopo anno, il cammino comincia a farsi più difficile e la via si affolla di ostacoli che sembrano insormontabili: si pensa con nostalgia alle scuole più semplici, quando le lezioni sembrano difficili, ma con il passare del tempo, guardandosi indietro, erano molto più semplici di quanto si pensasse. Uno dei segni più tangibili di questa complessità crescente è data dagli esami. Verifiche e test che con il progredire della classe si presentano come delle prove sempre più ardue da superare e l’incertezza è più facile che aumenti. Ci si chiede “sarò in grado di farcela?”, oppure “sarò all’altezza di questa prova?”. Malgrado si tratti di dubbi normali, non sempre la reazione conseguente è positiva e ci possono essere degli esiti infelici che ingrandiscono ancora di più la pericolosità della situazione. Si crea una vera e propria ansia, e imparare come superare questa ansia da prestazioni per gli esami dev’essere una soluzione essenziale se si vuole proseguire a testa alta e senza voltarsi indietro.

Esami insuperabili

Il discorso appena fatto può sembrare che valga solamente per chi deve superare un test di ammissione all’università, o per chi sta dando il fatidico esame all’interno dell’università stessa, ma non è detto che valga solo per chi ha già finito le superiori. Anche chi sta studiando a livelli di scuola inferiori può manifestare queste “fobie”, queste insicurezze, e non bisogna assolutamente sminuirle o ridimensionarle a seconda della classe frequentata. Ogni studente ha i suoi personali timori e ognuno deve impararli ad affrontarli, per capire come superare l’ansia da prestazione e dimostrare la propria capacità di reazione, la propria volontà di andare oltre le avversità e superare brillantemente ogni ostacolo. Possono davvero riuscirci tutti?

Il segreto della volontà

Non tutti siamo uguali. Non tutti abbiamo lo stesso livello di autostima o la stessa capacità di reazione, ma tutti possiamo imparare a rimuovere i dubbi e le paure che ci vengono poste di fronte. Se si studia con impegno e costanza, magari ci sarà qualcuno che con il solo talento saprà porsi di fronte ai nostri risultati ma questo non significa che il nostro non significhi nulla. Costanza, impegno e dedizione sono qualità preziose che aiutano a scacciare ogni timore legato alla propria impreparazione. Se si lavora sodo, si avrà sempre di modo di sentirsi sereni. Perchè si è fatto tutto il possibile. E questo è già un buon inizio. Per sentirsi a posto con la propria coscienza e per dormire tranquilli. È impensabile capire come superare l’ansia da prestazione che si crea per un esame se in prima persona non si cerca di fare del proprio meglio. Se a quel punto continuerà a rimanere un po’ di preoccupazione, basterà ripassare, ripassare ancora e fare un respiro profondo. Il resto andrà come deve, e come vogliamo che vada. Basta volerlo, a volte. Con un semplice esercizio di volontà.